Salvatore Rosano Arte e Artigianato


Vai ai contenuti

Menu principale:


Giuseppe Gagliano

GIUSEPPE GAGLIANO pittore Naif

L'Artista Giuseppe Gagliano nacque nel 1897. La sua vita, fin dalla prima infanzia, fu intensa di lavoro duro e di sacrificio. Rimasto orfano di padre, dopo aver frequentato la 3ª classe elementare, fu inviato a soli 9 anni in una miniera di zolfo, ove rimase per alcuni anni. Successivamente, lasciata la solfare, venne affidato a un calzolaio del luogo, perchè lo avviasse ad un mestiere meno pericoloso e pesante. Il Gagliano, fin da quando frequentava la scuola elementare sentì la passione per il disegno, dilettandosi a produrre le figurazioni dei carretti siciliani e dei cartelloni propagandistici dei “pupi”, spettacolo allora tanto in voga, poichè rappresentava il vero e unico divertimento delle masse popolari. Via via che praticava la bottega del calzolaio, imparò la musica e, a 13 anni, entrò a far parte del complesso bandistico comunale. Tornato dalla prima guerra mondiale, si trovò completamente solo, perchè la madre, nel frattempo, era morta di “spagnola” ed il fratello era emigrato in Argentina. Gravato da numerosa famiglia, si dedicò principalmente al suo lavoro di artigiano di calzature (con bottega propria e qualche lavorante), cercando di arrotondare il magro guadagno con i proventi che gli venivano dall'attività di musicante. Ma la passione per il disegno e per la pittura non lo abbandonarono mai e, di tanto in tanto, trovava il tempo per eseguire qualche quadretto da donare a parenti e amici».
Testo tratto da: Giuseppe Gagliano, Naif senza Macchia, Monografia di Pietro Maccarrone, 1975).




Torna ai contenuti | Torna al menu